Questa Kawasaki 636 è una delle nostre Moto per paraplegici, artolesi ed amputati agli arti inferiori.
Per adattare una Moto per paraplegici occorre spostare i comandi dalle pedane al manubrio e predisporre altre modifiche che facilitino la guida come i supporti per non fare cadare i piedi ed una sella che sostenga il bacino.
Per le nostre Moto per paraplegici abbiamo studiato e realizzato un sistema di ruotine che stabilizzano la moto in fase di fermata e partenza, mantenendola in equilibrio senza dover usare le gambe; in questo modo la moto può essere usata in autonomia ed anche in caso di problema in pista o rottura è possibile fermarsi senza rovinare a terra.

La moto presenta le seguenti modifiche:

  • cambio elettroattuato,
  • freno posteriore a pollice,
  • sistema di ruotine stabilizzatrici per la partenza e la fermata dei paraplegici,
  • sella antiscivolo con supporto del bacino,
  • sostegni per i piedi dei paraplegici.
kliktronic

Pulsanti per l’azionamento dell’attuatore elettromeccanico, comando salita e discesa delle ruotine stabilizzatrici, freno posteriore a pollice.

Attuatore elettromeccanico che sostituisce la gamba sinistra per il cambio di marcia e supporto per i piedi.
In basso il sistema di ruotine stabilizzatrici.

sella per paraplegici

Sella modificata e personalizzata per sostenere il bacino ed evitare lo scivolamento.

Per chi lo desidera possiamo fornire le modifiche per adattare le vostre moto alle vostre esigenze (cambio elettroattuato, freno posteriore a pollice, sistema ruotine stabilizzatrici, ecc) o modificare noi stessi le vostre moto in base alle vostre esigenze ed alla nostra esperienza.

CONTATTACI SUBITO